“Quel che resta” Romanzo

Autore: Massimiliano Gurrieri

Sostieni il nostro lavoro

Categorie: ,

Titolo: Quel che resta

Il protagonista del romanzo si chiama Max, un uomo di mezza età che decide di sottoporsi come cavia ad un esperimento di una grossa compagnia di telecomunicazioni. Il suo scopo è di ottenere un beneficio economico, mentre lo scopo dell’esperimento resta vagamente accennato. Si tratta di installare alla cavia due microchip all’altezza dei polsi per creare un collegamento tra cervello e rete internet. I microchip devono ricevere e codificare le emozioni del soggetto e poter a loro volta trasmettere segnale al cervello.

Nel corso del racconto il protagonista prenderà consapevolezza di quanto i chip siano capaci di stimolare nell’inconscio vere e proprie emozioni negative. Diventa inoltre consapevole di perdersi nel pensiero per ore senza accorgersene, come guidato da qualcosa su cui non ha più il controllo. Il racconto si svolge nell’arco temporale di poche settimane, tempo in cui Max ha l’obbligo di fare rapporto di ciò che sperimenta all’ambulatorio medico che conduce l’esperimento.

Insieme al suo migliore amico Ric, neurofisiologo, dipendente della stessa compagnia di telecomunicazioni ma devoto all’amico, tenta di indagare sul vero scopo della ricerca. Ric ha allestito un ambulatorio medico a casa sua e guida Max, attraverso delle sedute ipnotiche, dentro un viaggio nella mente alla ricerca di risposte…

Il romanzo, volutamente ambientato in nessun luogo geografico specifico, con personaggi di terre lontane e dalle lingue diverse mai specificate, ha lo scopo di poter essere letto e interpretato da lettori di qualsiasi lingua, religione o paese. Ha in fine lo scopo di valicare, anche se solo per poche ore di lettura, le barriere negative delle emozioni, a volte costruite, a volte imposte, per dare uno slancio al lettore verso un mondo di pura felicità, ove l’unico elemento che davvero può unificarlo con il resto dell’umanità, quel che resta per sempre, è quello dei valori umani.

Se hai gradito il nostro lavoro lascia un commento sul nostro canale Facebook.